TIMIDEZZA TRASFORMATA

Disprezzato e abbandonato dagli uomini, uomo di dolore, familiare con la sofferenza‘ (Isaia 53:3).

Atti 4:1-12

L’arresto di Pietro e Giovanni
1 Mentre essi parlavano al popolo, giunsero i sacerdoti, il capitano del tempio e i sadducei, 2 indignati perché essi insegnavano al popolo e annunciavano in Gesù la risurrezione dai morti. 3 Misero loro le mani addosso, e li gettarono in prigione fino al giorno seguente, perché era già sera. 4 Ma molti di coloro che avevano udito la Parola credettero; e il numero degli uomini salì a circa cinquemila.
5 Il giorno seguente, i loro capi, con gli anziani e gli scribi, si riunirono a Gerusalemme, 6 con Anna, il sommo sacerdote, Caiafa, Giovanni, Alessandro e tutti quelli che appartenevano alla famiglia dei sommi sacerdoti. 7 E, fatti condurre in mezzo a loro Pietro e Giovanni, domandarono: «Con quale potere o in nome di chi avete fatto questo?»
8 Allora Pietro, pieno di Spirito Santo, disse loro:
«Capi del popolo e anziani, 9 se oggi siamo esaminati a proposito di un beneficio fatto a un uomo infermo, per sapere com’è che quest’uomo è stato guarito, 10 sia noto a tutti voi e a tutto il popolo d’Israele che questo è stato fatto nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, che voi avete crocifisso, e che Dio ha risuscitato dai morti; è per la sua virtù che quest’uomo compare guarito, in presenza vostra. 11 Egli è
la pietra che è stata da voi costruttori rifiutata,
ed è divenuta la pietra angolare
“.
12 In nessun altro è la salvezza; perché non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini, per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati».

ESPLORA

Fino a questo punto, le cose sembravano scorrere bene per la prima chiesa. Ma ora i discepoli, per la prima volta, trovano opposizione, scattata dalla guarigione di un uomo storpio descritta nel capitolo precedente.

Ci saremmo aspettati che un tale miracolo avrebbe convinto la gente sul messaggio dei discepoli, invece, molti dei capi dei Giudei erano risentiti per questo gesto di carità e per il messaggio che ne era seguito. Perché mai?
Molti di questi erano Sadducei, un gruppo che non credeva nella resurrezione dei morti, per questo rifiutavano l’idea della resurrezione di Cristo. Erano anche i benestanti tra i Giudei e amavano mantenere la loro posizione autorevole, perciò temevano qualsiasi cosa che potesse causare subbuglio e disordine tra il popolo che avrebbe causato l’ira dei padroni romani. Inoltre Caiafa, era lo stesso sommo sacerdote che aveva interrogato Gesù e lo aveva portato a Pilato, così Pietro stava criticando direttamente un nemico potente. Un gesto molto coraggioso e audace, molto diverso dal Pietro di qualche tempo fa, che aveva temuto di dire ad una serva che era uno di quelli che seguivano Gesù.

Quando leggiamo il libro degli Atti ci sentiamo spesso demoralizzati perché la prima chiesa appare così tanto dinamica rispetto alle nostre di oggi: per esempio, il versetto 4, dice che circa cinquemila persone avevano creduto in Cristo.
Tuttavia, questo brano, fa pure notare che, nonostante il messaggio fosse rivelato nel modo più potente possibile, con un miracolo e la predicazione di Pietro, un apostolo che ha conosciuto Gesù, ed il potere dello Spirito Santo, non tutti erano stati convinti. Alcuni erano anche ostili. I Sadducei sono rimasti sulle loro idee, contenti del loro stato e riluttanti ad ammettere di sbagliare. Questo ci ricorda che, la risposta delle persone al vangelo, non dipende da quanto bene possiamo presentare il messaggio: quelli che ascoltano hanno la libertà di accettarlo o no.

AGISCI

Ti è capitato di vedere persone che non rispondono bene al messaggio del vangelo? Perché pensi che abbiano reagito negativamente? Quali insegnamenti puoi trarre da queste esperienze?

CAROLINE FLETCHER

Traduzione di Piccola Rondine

Testo Originale: https://content.scriptureunion.org.uk/wordlive/transforming-timid

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.