SE DIO E’ PER NOI

A volte ci è difficile immaginare che le cose cambino in meglio, per noi personalmente o per la nazione in cui viviamo, ma Dio è con noi e opera sempre nella Sua creazione.
Preghiamo perché possa aprirci gli occhi per vedere il quadro in modo più ampio.

Naum 2:1-13

1 Un distruttore marcia contro di te;
custodisci bene la fortezza,
sorveglia le strade, rafforza le tue reni,
raccogli tutte le tue forze!
2 Poiché il SIGNORE ristabilisce la gloria di Giacobbe,
e la gloria d’Israele;
perché i saccheggiatori li hanno saccheggiati,
e hanno distrutto i loro tralci.
3 Lo scudo dei suoi prodi è tinto di rosso,
i suoi guerrieri vestono di porpora;
il giorno in cui egli si prepara,
l’acciaio dei carri scintilla
e si brandiscono le lance di cipresso.
4 I carri si lanciano furiosamente per le strade,
si precipitano per le piazze;
il loro aspetto è come di fiaccole,
guizzano come fulmini.
5 Il re di Ninive si ricorda dei suoi prodi ufficiali;
essi inciampano nella loro marcia,
si precipitano verso le mura
e la difesa è preparata.
6 Le porte dei fiumi si aprono
e il palazzo crolla.
7 È fatto! Ninive è spogliata e portata via;
le sue ancelle gemono come colombe
e si battono il petto.
8 Ninive era come un serbatoio pieno d’acqua,
e ora l’acqua fugge!
Fermatevi! fermatevi!
ma nessuno si volta.
9 Saccheggiate l’argento, saccheggiate l’oro!
Ci sono tesori senza fine,
montagne d’oggetti preziosi di ogni specie.
10 Essa è vuotata, spogliata, devastata;
i cuori vengono meno,
le ginocchia tremano,
tutti i fianchi sono dolenti,
tutti i volti impallidiscono.
11 Dov’è questo covo di leoni,
questo luogo dove facevano il pasto i leoncelli,
dove il leone, la leonessa e i leoncelli passeggiavano,
senza che nessuno li spaventasse?
12 Là il leone sbranava per i suoi piccoli,
strangolava per le sue leonesse,
e riempiva i suoi covi di preda,
le sue tane di rapina.
13 «Eccomi a te», dice il SIGNORE degli eserciti;
«io brucerò i tuoi carri che andranno in fumo,
la spada divorerà i tuoi leoncelli;
io strapperò dal paese la tua preda
e non si udrà più la voce dei tuoi messaggeri».

ESPLORA

Leggere questo capitolo sembra quasi ascoltare una cronaca in diretta. Il profeta descrive con colori vividi la ritirata dell’armata Assiriana (v. 3) durante l’invasione di Ninive da parte di una potenza più grande. E’ una straordinaria immagine profetica.

Mentre lui scrive questo, gli Assiri sono al loro massimo potere, ma Naum vede oltre la grandiosità del loro impero, vede un regime ancora più dominante.
Naum attribuisce queste azioni a Dio, che è contro il popolo di Ninive (v. 13), ed interpreta gli eventi che accadono basandosi sulla sua comprensione del patto di Dio con il Suo popolo.

Al momento di questa profezia, gli Assiri stavano iniziando a vacillare e facevano affidamento alla nascente armata Egiziana.
Nel 610 a.C. circa, con terribile forza, i Babilonesi sconfissero tutti i loro rivali e piegarono gran parte degli Assiri alla loro legge. Questo non segnò soltanto la fine dell’Impero d’Assiria, ma anche la completa devastazione di Giuda, poiché Gerusalemme venne presa ed il popolo esiliato lontano.
Ma Naum non era un fatalista.
Questo è Dio in azione e niente può ostacolare i Suoi propositi.

AGISCI

Se Dio è per noi, chi sarà contro di noi?‘ (Romani 8:31). In Cristo, un nuovo patto è stato inaugurato, dove la pace e la riconciliazione hanno la parola finale.
Che significato ha questo per te?

GETHIN RUSSEL-JONES

Traduzione di Piccola Rondine

Testo Originale: https://content.scriptureunion.org.uk/wordlive/if-god-us

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.