BUONE E CATTIVE NOTIZIE

C’è qualche aspetto particolare del tuo comportamento nel quale ti trovi impigliato/a? Ti sei mai sentito/a intrappolato/a a relazionarti in modo negativo verso una persona in particolare?

Romani 3:9-20

Universalità del peccato
9
 Che dire dunque? Noi siamo forse superiori? No affatto! Perché abbiamo già dimostrato che tutti, Giudei e Greci, sono sottoposti al peccato, 10 com’è scritto:
«Non c’è nessun giusto,
neppure uno.
11 Non c’è nessuno che capisca,
non c’è nessuno che cerchi Dio.
12 Tutti si sono sviati, tutti quanti si sono corrotti.
Non c’è nessuno che pratichi la bontà,
no, neppure uno».
13 «La loro gola è un sepolcro aperto;
con le loro lingue hanno tramato frode».
«Sotto le loro labbra c’è un veleno di serpenti».
14 «La loro bocca è piena di maledizione e di amarezza».
15 «I loro piedi sono veloci a spargere il sangue.
16 Rovina e calamità sono sul loro cammino
17 e non conoscono la via della pace».
18 «Non c’è timor di Dio davanti ai loro occhi».
19 Or noi sappiamo che tutto quel che la legge dice, lo dice a quelli che sono sotto la legge, affinché sia chiusa ogni bocca e tutto il mondo sia riconosciuto colpevole di fronte a Dio; 20 perché mediante le opere della legge nessuno sarà giustificato davanti a lui; infatti la legge dà soltanto la conoscenza del peccato.

Esplora

E’ chiaro che l’essere umano è una minaccia per l’intero creato. Uno degli indicatori moderni che confermano questo è l’impatto umano sul cambiamento climatico e su altre specie. Siamo stati descritti pure come ‘piaghe’ per la Terra. Certo è un linguaggio da usare con attenzione per non cadere sull’odio per sé stessi. Tuttavia la distruzione, volontaria o no, che l’essere umano porta rimane un problema da combattere. L’apostolo Paolo qui parla di ‘labbra con veleno di serpenti’ (v. 13).

Paolo esprime la serietà della situazione: tutti abbiamo ceduto al potere del peccato. Abbiamo girato le spalle alla sorgente di vita (v. 12, 18) e distrutto le nostre vite e la pace del creato (v. 15-17) non facendo ciò che è bene. In questo processo abbiamo seminato rovina e miseria (v. 16). Prima di rigettare queste parole come se fossero esagerate, fermiamoci a riflettere. Dei ricercatori hanno detto che all’incirca tra i 60 e i 100 bilioni di umani hanno vissuto e sono morti in questo pianeta. Quanti di questi hanno vissuto quel tipo di vita giusta e di valore come l’intende Dio (v. 12)? Il peccato è universale e distruttivo. Paolo ha fatto il punto della situazione: sia che pensiamo alla Legge data a Israele o alla legge data alle nostre coscienze (Romani 2:14, 15), siamo tutti tenuti a rispondere a Dio (v. 19); e tutti falliamo (v. 20).

E’ difficile interpretare la parola ‘legge’ negli scritti dell’apostolo Paolo poiché la usa in modi diversi in diverse circostanze. In questa, come in altre, la legge ha una funzione negativa: ci espone; elenca le nostre mancanze nel fare ciò che è giusto, inoltre, non ha la capacità di renderci capaci di diventare giusti. Non ci dà un rimedio – ma ce n’é un altro ed è alle porte.

Agisci

Noi tutti eravamo smarriti come pecore, ognuno di noi seguiva la propria via…’ (Isaia 53:6). Prenditi del tempo oggi per confessare i tuoi peccati e ricevere misericordia e trovare la grazia che ti soccorre nei momenti del bisogno. (Ebrei 4:16).

NIGEL WRIGHT & MICHELE SMART

Traduzione e Arrangiamento di Piccola Rondine

Testo Originale: https://content.scriptureunion.org.uk/wordlive/bad-news-good-news

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.