IN SINTONIA CON DIO

Esaminami, o Dio, e conosci il mio cuore. Mettimi alla prova e conosci i miei pensieri.” (Salmo 139:23).

1 Samuele 24:1-22

Saul risparmiato da Davide nella spelonca di En-Ghedi
1
 Davide salì di là e abitò nelle fortezze di En-Ghedi. 2 Quando Saul tornò dall’inseguimento dei Filistei, vennero a dirgli: «Davide è nel deserto di En-Ghedi». 3 Allora Saul prese tremila uomini, scelti fra tutto Israele, e andò in cerca di Davide e della sua gente fin sulle rocce delle capre selvatiche; 4 e giunse ai recinti di pecore che erano presso la via; là vi era una caverna, nella quale Saul entrò per fare i suoi bisogni. Davide e la sua gente erano in fondo alla caverna. 5 La gente di Davide gli disse: «Ecco il giorno nel quale il SIGNORE ti dice: “Vedi, io ti do in mano il tuo nemico; fa’ di lui quello che ti piacerà”». Allora Davide si alzò e, senza farsi scorgere, tagliò il lembo del mantello di Saul. 6 Ma dopo, il cuore gli batté per aver tagliato il lembo del mantello di Saul. 7 Davide disse alla gente: «Mi guardi il SIGNORE dall’agire contro il mio re, che è l’unto del SIGNORE, e dal mettergli le mani addosso; poiché egli è l’unto del SIGNORE». 8 Con queste parole Davide frenò la sua gente e non le permise di gettarsi su Saul. Saul si alzò, uscì dalla caverna e continuò il suo cammino.
9 Poi anche Davide si alzò, uscì dalla caverna e gridò dietro a Saul, dicendo: «O re, mio signore!» Saul si voltò indietro e Davide s’inchinò con la faccia a terra e si prostrò. 10 Davide disse a Saul: «Perché dai retta alle parole della gente che dice: “Davide cerca di farti del male?” 11 Ecco, in questo giorno tu vedi con i tuoi occhi che oggi il SIGNORE ti aveva dato nelle mie mani in quella caverna; qualcuno mi disse di ucciderti, ma io ti ho risparmiato e ho detto: Non metterò le mani addosso al mio signore, perché egli è l’unto del SIGNORE. 12 Ora, padre mio, guarda qui nella mia mano il lembo del tuo mantello. Se ti ho tagliato il lembo del mantello e non ti ho ucciso, puoi da questo vedere chiaramente che non c’è nella mia condotta malvagità né ribellione e che io non ho peccato contro di te, mentre tu mi tendi insidie per togliermi la vita! 13 Il SIGNORE sia giudice fra me e te e il SIGNORE mi vendichi di te; ma io non ti metterò le mani addosso. 14 Dice il proverbio antico: “Il male viene dai malvagi!” Io quindi non ti metterò le mani addosso. 15 Contro chi è uscito il re d’Israele? Chi vai tu perseguitando? Un cane morto, una pulce. 16 Sia dunque arbitro il SIGNORE e giudichi fra me e te; egli veda e difenda la mia causa e mi renda giustizia, liberandomi dalle tue mani».
17 Quando Davide ebbe finito di dire queste parole a Saul, Saul disse: «È questa la tua voce, figlio mio, Davide?» E Saul alzò la voce e pianse. 18 Poi disse a Davide: «Tu sei più giusto di me, poiché tu mi hai reso bene per male, mentre io ti ho reso male per bene. 19 Tu hai mostrato oggi la bontà con la quale ti comporti verso di me; poiché il SIGNORE mi aveva dato nelle tue mani e tu non mi hai ucciso. 20 Se uno incontra il suo nemico, lascia forse che se ne vada in pace? Ti renda dunque il SIGNORE il contraccambio del bene che mi hai fatto oggi! 21 Ora, ecco, io so che tu diventerai re, e che il regno d’Israele rimarrà stabile nelle tue mani. 22 Giurami dunque nel nome del SIGNORE che non distruggerai la mia discendenza dopo di me e che non estirperai il mio nome dalla casa di mio padre».

Esplora

E’ difficile aspettare il compimento di quanto pensiamo Dio ci ha promesso. Lo è ancor di più quando ci si presenta l’opportunità di fare qualcosa per ottenerlo.
Questo è quanto capita a Davide in questo brano, gli si presenta l’opportunità, anzi, sembra proprio che sia Dio a dargli l’opportunità di prendere il potere nelle sue mani (v. 5).

Non c’è tempo per pensare, Saul non starà a lungo nella caverna e gli uomini di Davide lo incitano ad agire. Il futuro re taglia il lembo del mantello di Saul, ma subito realizza della gravità del suo gesto agli occhi di Dio. Il Signore ha unto Saul e spetta a Lui rimuoverlo dal trono, non a Davide. Il dono di Dio bisogna riceverlo con umiltà, non agguantarlo con forza e arroganza, e solo al tempo designato non prima.
Davide ha dimostrato una qualità necessaria ad un re: non abusare del proprio potere. Ha anticipato quanto Gesù ha fatto per noi, cioè, ha messo volontariamente da parte, ogni Suo privilegio come Figlio di Dio, per il nostro bene (Filippesi 2:5-8).

Quando siamo in un rapporto stretto e costante con il nostro Padre Celeste, ogni nostro senso è in sintonia con Lui – proprio come è successo con Davide non appena ha tagliato il lembo del mantello di Saul (v. 5).

Agisci

Confido in Te, Signore con tutto il mio cuore e rifiuto di appoggiarmi sul mio discernimento… Ti prego appiana i miei sentieri.” (Proverbi 3:5-6).

CSILLA SAYSELL & JO SWINNEY

Traduzione e Arrangiamento di Piccola Rondine

Testo Originale: https://content.scriptureunion.org.uk/wordlive/attuned-god

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.