CHI SERVI?

Come sono i tuoi rapporti con gli altri? Sono una fonte di gioia o di dolore? Porta davanti a Dio i nomi ed i visi di tutti quelli che tu ami (o che hai bisogno di amare).

Colossesi 3:18-4:1

Doveri cristiani nella vita nuova
18
 Mogli, siate sottomesse ai vostri mariti, come si conviene nel Signore.
19 Mariti, amate le vostre mogli, e non v’inasprite contro di loro.
20 Figli, ubbidite ai vostri genitori in ogni cosa, poiché questo è gradito al Signore.
21 Padri, non irritate i vostri figli, affinché non si scoraggino.
22 Servi, ubbidite in ogni cosa ai vostri padroni secondo la carne; non servendoli soltanto quando vi vedono, come per piacere agli uomini, ma con semplicità di cuore, temendo il Signore. 23 Qualunque cosa facciate, fatela di buon animo, come per il Signore e non per gli uomini, 24 sapendo che dal Signore riceverete per ricompensa l’eredità. Servite Cristo, il Signore! 25 Infatti chi agisce ingiustamente riceverà la retribuzione del torto che avrà fatto, senza che vi siano favoritismi.

4:1 Padroni, date ai vostri servi ciò che è giusto ed equo, sapendo che anche voi avete un padrone nel cielo.

Esplora

C’è un detto famoso di Bob Dylan “Tu servi qualcuno. Può essere il male o può essere il Signore, ma qualcuno servi.” (Bob Dylan, Gotta Serve Somebody, 1979, Columbia Records).
Quello che voleva far notare era che noi non viviamo per conto nostro, siamo tutti connessi e siamo stati creati per vivere in rapporto con gli altri.
La nostra cultura occidentale ha grosse difficoltà su questo tema poiché essa tende ad insegnare a dar più valore alla propria libertà e felicità che alla famiglia, alla comunità ed ai propri obblighi. Siamo molto determinati quando si tratta dei nostri ‘diritti’ ma molto superficiali e fin troppo tolleranti quando si tratta dei nostri ‘doveri’.

Questo brano è stato scritto più di duemila anni fa a persone reali. Leggerlo nel contesto odierno e moderno è facile fraintenderlo. L’apostolo, però, non ha l’intenzione di promuovere la schiavitù o rinforzare l’autorità patriarcale; al contrario, vuole portare amore e pace nei rapporti che sono spesso caratterizzati da potere ed abuso.

Siamo tutti servitori di un Signore ed di un unico Dio. E’ possibile che nel frattempo occupiamo un posto di responsabilità ed autorità, ma non è questo ruolo a dire chi siamo, piuttosto, prendiamo l’esempio di Gesù, in Giovanni 13:1-17, su come praticare l’autorità in cui richiede una bacinella d’acqua ed un asciugamano.

Agisci

E’ Cristo, il Signore che servite (v. 24). In che modo questa verità cambia il tuo modo di vivere e lavorare?

PETER STONE

Traduzione e Arrangiamento di Piccola Rondine

Testo Originale: https://content.scriptureunion.org.uk/wordlive/who-are-you-serving

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.