PERSEVERANZA SULLA CROCE

Signore, la cattiveria e la malvagità che leggo nelle Scritture di oggi mi spingono a chiederTi di darmi la capacità e la forza per combatterle.

Matteo 27:27-44

Gesù coronato di spine
27
 Allora i soldati del governatore portarono Gesù nel pretorio e radunarono attorno a lui tutta la coorte. 28 E, spogliatolo, gli misero addosso un manto scarlatto; 29 intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero una canna nella mano destra e, inginocchiandosi davanti a lui, lo schernivano, dicendo: «Salve, re dei Giudei!» 30 E gli sputavano addosso, prendevano la canna e gli percotevano il capo. 31 E, dopo averlo schernito, lo spogliarono del manto e lo rivestirono dei suoi abiti; poi lo condussero via per crocifiggerlo.

La crocifissione di Gesù
32
 Mentre uscivano, trovarono un uomo di Cirene, chiamato Simone, e lo costrinsero a portare la croce di Gesù. 33 E giunti a un luogo detto Golgota, che vuol dire «luogo del teschio», 34 gli diedero da bere del vino mescolato con fiele; ma Gesù, assaggiatolo, non volle berne.
35 Poi, dopo averlo crocifisso, spartirono i suoi vestiti, tirando a sorte; 36 e, postisi a sedere, gli facevano la guardia.
37 Al di sopra del capo gli posero scritto il motivo della condanna: Questo è Gesù, il re dei Giudei.
38 Allora furono crocifissi con lui due ladroni, uno a destra e l’altro a sinistra.

39 E quelli che passavano di là, lo ingiuriavano, scotendo il capo e dicendo: 40 «Tu che distruggi il tempio e in tre giorni lo ricostruisci, salva te stesso, se tu sei Figlio di Dio, e scendi giù dalla croce!» 41 Così pure, i capi dei sacerdoti con gli scribi e gli anziani, beffandosi, dicevano: 42 «Ha salvato altri e non può salvare se stesso! Se lui è il re d’Israele, scenda ora giù dalla croce, e noi crederemo in lui. 43 Si è confidato in Dio: lo liberi ora, se lo gradisce, poiché ha detto: “Sono Figlio di Dio”». 44 E nello stesso modo lo insultavano anche i ladroni crocifissi con lui.

Esplora

Non esiste ‘umanità’ nella crocifissione. Le frustate hanno probabilmente lasciato Gesù sanguinante, lacero e a stento in grado di stare in piedi. I soldati hanno impersonato il peggio della natura umana nei loro atti di umiliazione e disprezzo. Niente che potesse assomigliare alla compassione, al rispetto, viene offerto a Gesù, anzi, gli vengono date derisione, violenza e odio.

Conosciamo fin troppo bene i dettagli della crocifissione – il modo in cui il corpo di Gesù viene fissato al palo, i chiodi che trapassano le mani e i piedi, il suo rifiuto di bere il vino col fiele per alleviare il dolore, lo strappo ed il tirare a sorte le sue vesti, ed infine la scritta sopra la sua testa per ridicolizzarlo anche ai passanti.
Ma ancora non bastava, anche lì in croce i capi religiosi si uniscono alla folla, neppure lì lo hanno lasciato morire in pace.

La mancanza di fede è sfrenata in ogni era, la nostra inclusa. Molta gente della nostra società è pronta a ridicolizzare la fede in Cristo. La Sua impotenza sulla croce significava sconfitta; il cinismo delle persone che fanno eco a quella folla di quel venerdì santo, dà voce al vuoto della speranza cristiana. Tuttavia, quel cinismo non capisce il cuore della croce. E’ stata proprio la persistenza di Cristo a stare sulla croce che ha reso la Sua missione vincente.
E’ stata la Sua vittoria, come Figlio di Dio, che ha condotto milioni di persone a Lui in tutto questo tempo. E’ stata la Sua morte che porta a noi la vita oggi.

Agisci

Siamo chiamati ad essere testimoni di Cristo in questa era di incredulità. Prega affinché Dio ci aiuti a capire come esserlo.

ELAINE STORKEY

Traduzione e Arrangiamento di Piccola Rondine

Testo Originale: https://content.scriptureunion.org.uk/wordlive/mocked-and-crucified

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.